“Man's right to know, to learn, to inquire, to make bona fide errors, to investigate human emotions must, by all means, be safe, if the word "freedom" should ever be more than an empty political slogan.” ― Wilhelm Reich

Orgonomia

DMT: la molecola dello spirito


“Il silenzio incandescente e pacifico di Cristo”

brano tratto dall’opera di Wilhelm Reich, L’assassinio di Cristo:

“È Pilato che impartisce l’ordine di crocifiggere Gesù, ma è il popolo che lo spinge a farlo. […]
La favola dei grandi sacerdoti che aizzano il popolo contro Cristo è un’invenzione degli spacciatori di libertà. Come potrebbe una decina di sacerdoti aizzare le masse contro qualunque cosa se quel che può essere aizzato contro Cristo non esistesse già dentro l’anima del popolo?
Smettete di scusare il popolo e ciò che fa. […]
Per la prima volta Cristo si rende conto dell’abisso che lo separa dai suoi concittadini e dalla sua epoca.
Accetta la cosa con calma. Non ne viene colpito. I suoi amici non sono mai stati amici veri. Gli sono stati amici finché hanno potuto ottenere qualcosa da lui: eccitazione, conforto, pace, piacere e ispirazione. Adesso, mentre la peste emozionale urla intorno a lui se ne vanno. Nemmeno una di queste sanguisughe è presente. Cristo non li odia né li disprezza, si rende semplicemente conto della situazione e rimane in silenzio, solennemente. Fissa un abisso profondo e oscuro dove la mente malata dell’uomo metterà nei secoli a venire coloro che vengono torturati nell’Inferno.
Cristo è circondato da un’atmosfera di silenzio esteriore e di intima incandescenza pacifica, come se fosse protetto da uno scudo. Non c’è nulla in realtà che lo tocchi o che lo possa toccare. È aldilà dello stupido spettacolo che si svolge davanti ai suoi occhi. Pietà per i disgraziati va carponi dal suo silenzio. Vale la pena di salvarli? Certamente no. Tuttavia, Cristo vive in piena coscienza ciò che essi gli fanno.
Il silenzio incandescente e pacifico di Cristo in questo momento è avvertito da quanti assistono al disgustoso tumulto. La moglie di Pilato ama Cristo; lo ha visto in sogno e il suo destino la riempie di tristezza. Le donne lo hanno sempre amato sinceramente. Lo hanno amato di quei sentimenti che le donne felici provano per l’uomo di cui sono innamorate. Le donne sanno. Conoscono uomini come Cristo nel loro corpo. La moglie di Pilato cerca invano di salvarlo. Avverte la silenziosa, calda incandescenza che è in Cristo in quei momenti. E proprio su questo silenzioso splendore di fiducia, che va molto oltre la miserabile cattiveria umana, che in seguito si fonderà la forza silenziosa dei primi cristiani pacifici. Continuerà a esistere fino al momento in cui queste righe vengono scritte: nessuna manifestazione malvagia della peste umana può colpire questa calda, intima incandescenza. È lo splendore della Vita.
È la calda, intima incandescenza che accompagna Cristo nelle ore dell’agonia. Presto il mondo o dipingerà con un’aureola luminosa intorno al capo. Cristo rimarrà in silenzio quando si contorcerà di dolore. Rimarrà in silenzio quando le forze gli mancheranno. Rimarrà in silenzio quando la gente lo insulterà e lo sbeffeggerà, anche se sarà questo che più lo addolorerà, ma come da lontano. […]
La tranquilla e silenziosa incandescenza della Vita vivente non può venire distrutta con nessun mezzo. È una fondamentale manifestazione dell’energia stessa che fa muovere l’universo. Questo splendore lo si trova nel cielo notturno. È il fremito silenzioso del cielo illuminato che vi porta a dimenticare i brutti scherzi. È la tranquilla incandescenza degli organi sessuali delle lucciole. Aleggia sulle chiome degli alberi all’alba e al tramonto, e lo si scopre negli occhi di un bambino fiducioso. Lo si vede in un tubo di vetro nel quale è stato fatto il vuoto e che l’aria ha caricato di energia vitale, e lo si può vedere nell’espressione di gratitudine sul volto di un uomo ammalato dalla peste emozionale, il cui dolore avete sollevato. È lo splendore che si nota di notte sulla superficie dell’oceano o sulla cima degli alberi.
Non c’è nulla che possa distruggere queste forza splendente e silenziosa. Essa penetra ovunque e governa ogni movimento di ogni cellula dell’organismo vivente. È ovunque e riempie tutto lo spazio che è stato svuotato dagli uomini inariditi. È la causa dello splendore delle stelle e del loro ammiccare. Lo splendore della pelle è per il vero medico un segno di salute, così come la mancanza è segno di malattia. Quando si ha la febbre, lo splendore aumenta poiché esso combatte l’infezione mortale.
È l’incandescenza della forza vitale che continua anche dopo la morte dell’organismo. È l’incandescenza dell’anima, ma dopo la morte non rimane come «forma». Si disperde nell’infinito oceano cosmico, nel «Regno di Dio» da cui proviene.
[…] La consapevolezza che questa Forza Vitale universale e del retrostante universo che ne è colmo è, nell’uomo, indistruttibile perché egli la sente

(pp. 209, 211-212, 215).

tumblr_o4gjqjtZBv1sggt2wo1_540


Emilio Del Giudice. Le concezioni di W. Reich alla luce della fisica quantistica


La fonte del “NO” umano

bambino-nellutero

Quando nasce, un bambino esce da un utero caldo, a 37 gradi centigradi, per trovarsi in un ambiente a 18 o 20 gradi. Questo è abbastanza sgradevole. Lo choc della nascita… abbastanza sgradevole. Ma potrebbe sopravvivere a tutto questo se non succedesse quanto segue. Come esce viene preso per le gambe e picchiato sul sedere. Il primo saluto è uno schiaffo. Secondo saluto: viene tolto alla madre. Giusto? Viene tolto alla madre. Ascoltatemi bene a questo punto. Fra cent’anni sembrerà incredibile: toglierlo alla madre! La madre non deve toccare o vedere il bambino. Il bambino non ha nessun contatto corporeo dopo nove mesi di contatto corporeo a temperatura molto alta – ciò che noi chiamiamo il “il contatto energetico orgonotico corporeo”, il campo di azione fra loro, il tepore e il calore. Poi gli ebrei introdussero qualcosa circa sei o settemila anni fa. E questa è la circoncisione. Non capisco perché l’abbiano introdotta. E’ ancora un enigma. Prendono quel povero pene. Prendono un coltello. Esatto? E cominciano a tagliare. E tutti dicono : “Non fa male”. Tutti dicono: “No, non fa male”. Ci siamo? Questa è un scusa, naturalmente, un sotterfugio. Dicono che le guaine dei nervi non sono ancora sviluppate. Perciò il bambino non sente niente. Ora, questo è un assassinio! La circoncisione é uno dei peggiori trattamenti inflitti ai bambini. E cosa succede loro? Guardateli. Non possono parlarvi. Si limitano a gridare. Ciò che fanno è contrarsi. Si contraggono, si ritirano in sé, via da quel brutto mondo. Io mi sono espresso molto crudamente, ma certamente capirete ciò che voglio dire. Ora, questo è il saluto: toglierlo alla madre. La madre non deve vederlo. Ventiquattro o quarantott’ore senza mangiare nulla. Esatto? Pene tagliato. E poi viene il peggio: questo povero bambino, questo povero neonato, cerca sempre di allungarsi e di trovare qualcosa di caldo, qualcosa a cui aggrapparsi. Va dalla madre, mette le labbra sul capezzolo della madre. E cosa succede? Il capezzolo è freddo, o non diviene turgido, o il latte non arriva, o il latte è cattivo. E questo è abbastanza generale. Non si tratta di un caso su mille. E’ generale. Questa è la norma. Cosa fa dunque il neonato? Come reagisce a ciò? Come è costretto a rispondere a ciò bioenergeticamente? Non può venire da lei a dirle: “ Ehi, ascolta, sto soffrendo tanto”. Piange, semplicemente. E alla fine ci rinuncia. Ci rinuncia e dice “No!”. Non dice “no” con le parole, capite, ma questa è la situazione psichica. E noi orgonomisti lo sappiamo. Lo veniamo a sapere dai nostri pazienti. Lo deduciamo dalla loro struttura psichica, dal loro comportamento, non dalle loro parole. Le parole non possono esprimerlo. Qui, proprio all’inizio, si sviluppa il rancore. Qui si sviluppa il “no”, il grande “NO” dell’umanità. E poi ci si chiede perché il mondo è in subbuglio.

Tratto dal libro “Bambini del futuro” di Wilhelm Reich, 1950


Reich e la peste emozionale

Wilhelm Reich

Wilhelm Reich

Reich scrive: “La peste psichica non è un’espressione di desiderio conscio di malattia o di brutalità intenzionale. La peste psichica è una caratteristica del carattere come il senso di igiene, la diligenza o la sincerità. E’ un comportamento biopatico espresso nelle relazioni interumane. La fonte di energia della reazione di peste psichica è fondamentalmente la frustrazione sessuale combinata con una forte aggressività. Le persone affette da peste psichica agiscono con la ferma convinzione soggettiva di perseguire un buon fine. Tutte le reazioni umane pestilenziali sono dirette principalmente contro le manifestazioni vitali naturali. E’ il movimento spontaneo, il dolce concedersi alle manifestazioni vitali che provocano odio e distruzione nell’animale uomo corazzato.”

Reich W., Bambini del futuro, p. 79, SugarCo Edizioni, Milano, 1988.


Carl Gustav Jung


L’incredibile storia di un Genio

reich
L’INCREDIBILE STORIA DI UN GENIOCaccia all’energia che “non esiste”

L’ FDA l’ente federale Americano per il controllo sugli alimenti e le droghe medicinali) ha fatto ogni cosa in suo potere per eliminare le conoscenze sull’energia orgonica dalla faccia della terra perché, come essa stessa affermava, “non esiste”. Orbene, se l’energia orgonica non esiste, allora, non c’è pericolo e perciò non è una minaccia, giusto ?

Piuttosto che ignorare questa cosa che “non esiste”, la FDA condannò effettivamente il Dott. Wilhelm Reich a morte e, per almeno una decade, portò avanti una campagna per distruggere tutti i libri e gli appunti di ricerca che riuscì a trovare e che includessero la parola “orgone”.

A giudicare dalle azioni di quest’agenzia governativa, l’energia orgonica, in realtà esiste.

Il Dr. Wilhelm Reich (1897-1957) è tuttora storicamente famoso per le sue scoperte in psichiatria a psicoanalisi. Tuttavia, i suoi studi in materia biofisica sono stati eliminati da ogni registro storico.

Albert Einstein, il famoso fisico esclamò: “questa sarebbe una bomba per la fisica!”, salvo poi contraffare le prove di quell’energia che andava totalmente contro le sue teorie dello spazio vuoto…

Dr. Reich passò i suoi ultimi giorni in una prigione, falsamente etichettato come ciarlatano e ricattatore dal governo Americano e dal sistema medico.

Dr. Reich aveva scoperto l’energia responsabile della pulsazione biologica vitale, orgiastica, sulla Terra (e probabilmente nell’Universo).

La comunità scientifica invece di provare almeno a considerare le sue scoperte, iniziò una campagna denigratoria, una vera e propria guerra contro Reich.

L’oggetto d’opposizione della comunità scientifica (motivata da scelte politiche) sul lavoro del Dr. Reich era il suo “accumulatore di orgone” che W.Reich utilizzava per curare pazienti malati di cancro terminale, giudicati “inguaribili” dalla scienza ortodossa, riuscendo tra l’altro a guarire molti dei suoi pazienti.

Dopo una lunga e tormentosa campagna diffamatoria della FDA sull’uso medico dell’orgone, iniziata nella metà degli anni ’40, il Dr. Reich morì in prigione nel 1957.

Tutti i suoi libri e manoscritti furono bruciati, per decreto federale, fino al 1962 e, in scala minore, fino al 1970. Il governo degli Stati Uniti dichiarò che l’orgone non esisteva, e “orgone” era l’unica parola necessaria a qualificare il materiale come degno di essere bandito e distrutto nel caso venisse pubblicato.

Nel corso dei vari esperimenti con l’orgone, il Dr. Reich toccò molti aspetti diversi della scienza. Tra questi, le discipline della medicina, della fisica, della cosmologia e della meteorologia. Scoprì l’orgone atmosferico e notò che, in presenza di inquinanti di vario tipo, comprese emissioni elettromagnetiche, l’orgone diventava stagnante e causava malattia e danni ambientali.

Chiamò questo orgone stagnante, orgone “morto” o “DOR”. Gli effetti del DOR erano spesso quelli che contribuivano alla formazione della siccità dei deserti.

Per contrastare gli effetti del DOR, Reich aggiunse dei lunghi tubi a un accumulatore di orgone e lo puntò verso il cielo per aiutare l’orgone atmosferico a bilanciarsi e creare condizioni favorevoli alla pioggia. Chiamò questo dispositivo “Cloud-buster” (acchiappa nuvole).

Con questo dispositivo ebbe successo nel far piovere in diverse zone desertiche, decongestionando l’energia stagnante.

Verrebbe da chiedersi se coloro che venerano il “DOR” e traggono piacere dalla sua abilità a causare miseria, riconobbero nelle scoperte di Reich una minaccia diretta alle loro intenzioni di dominio globale.

Coloro che hanno studiato biologia in una scuola superiore possono capire il metodo scientifico e possono facilmente determinare che il Dr. Reich fu spedito dritto nella bara da un governo che ignorò la scienza e bloccò politicamente chiunque volesse esplorare l’energia orgonica.

La maggior parte di voi che leggete queste righe comprende intimamente il concetto di energia; che l’energia benefica produce cose benefiche (come lo splendere del sole, pensieri positivi, cibo sano e corpi sani), occupa gamme di frequenza e vibrazione più elevate, mentre l’energia bassa produce effetti non gradevoli (decomposizione, malattia, cibo di scarsa qualità e pensieri negativi), poiché occupa gamme di frequenza molto più basse.

Ne consegue, quindi, che un mondo che venisse saturato di frequenze basse produrrebbe un mondo pieno di odio, ostilità, malattia e morte.

E in quale genere di mondo stiamo forse vivendo ora ?
Un successo !

Dato che il governo Americano è riuscito a mantenere basse le frequenze vibrazionali attraverso cui gli Americani vivono e operano, mediante una gran varietà di manovre socio politiche, in quel paese (ma oramai in tutto il pianeta) le persone sono malate, arrabbiate, spaventate e vivono praticamente nel caos – l’ambiente che meglio contribuisce al controllo totalitario.

Il lavoro del Dr. Reich evocò la furia di questo stato totalitario. Lo uccisero e inviarono un chiaro messaggio a tutti quegli scienziati futuri che volessero studiare ulteriormente l’energia orgonica, in parole povere il messaggio era “l’argomento è offlimits, punto”